I pensieri diventano miracoli – Quando Mente Pensiero e Fisico sono allineati

Mente, Pensiero e Fisico:
come porsi ad un concetto che preveda la plasticità fisica.
L’umano è posizionato mentalmente verso qualcosa che lo rende dipendente da quello che pensa. Per trasformare, l’informazione che si trova dentro di se è utile far registrare dalla mente un processo evolutivo che mette in unicità i due emisferi cerebrali.
Poter andare in una frequenza che sia applicabile alle due parti e farle interagire è necessario fare un esercizio di preparazione.
La preparazione consiste: mettersi in uno stato d’animo di profondo contatto con se stessi, lasciando che tutto si liberi sia fisicamente che mentalmente per portarsi nella giusta vibrazione.
Ogni persona avrà un processo diverso.
Il pensiero è qualcosa che si forma dalla nostra qualità energetica, è utile, quindi, conquistare un’energia che faccia esprimere al meglio quello che la persona é.
L’informazione che l’umano riceve, attraverso i suoi sensi, va a insinuarsi in tutte le sue cellule e lo porta automaticamente in una frequenza più bassa di quella che potrebbe ottenere. Questo fa si che egli abbia poca fiducia in se stesso e non gli permette una maggiore qualificazione, oltretutto lo fa andare in una azione espressiva che non è quella confacente al suo vero stato energetico.
E’ importante trovare la modalità di come esercitarsi per andare verso una frequenza che rispecchi il proprio vero essere.
Per raggiungere la propria vera essenza è utile portarsi in una dimensione di stallo, cioè cercare di fare il vuoto dentro e fuori di se, per isolarsi da tutto quello che si sa consciamente, per portarsi in tutto quello che si sa inconsciamente. Se l’uomo riesce a fare incontrare i due emisferi lui sarebbe nell’espressione totale di se stesso. Per entrare in questa collaborazione l’unico mezzo è quello del vuoto mentale, far si che l’informazione che abbiamo non possa raggiungere l’interno, lasciando lo spazio di andare verso quell’informazione che siamo ma che non conosciamo.
La qualità energetica da una certa frequenza, se non si cambia frequenza si continua a pensare, agire e reagire a tutto quello che è stato e non al presente. Entrando nel presente si ritroverà quell’energia che c’è già ma che è compressa da tutto quello che incombe dall’esterno.

IL PENSIERO E LA SUA FORMA
La forma pensiero produce azioni, e quando li produce il pensiero si realizza, pensiamo a quante volte la forma pensiero non produce azioni? Non producendo azioni si va a immagazzinare l’energia di pensiero che non riesce a scaricarsi. Questo produce un ingolfamento di pensieri e soprattutto un deprezzamento di se stessi in quanto sempre i pensieri non si riescono ad assecondare. Oppure i pensieri si mettono in antagonismo con il proprio essere e questo produce alterazioni e modificazioni del proprio sentire.
Sarebbe importante capire quando i pensieri si formano e perché si formano, se i pensieri esprimono le proprie qualità essi vanno a fortificare e ad incentivare.
Ogni volta che i pensieri vengono dalla non realizzazione, dalle paure e dall’insoddisfazione la persona si trova in un abbassamento energetico.
I pensieri non realizzati e non realizzativi, vanno letteralmente a mangiare l’energia produttiva del proprio corpo.
E’ necessario imparare a gestire i propri pensieri, ascoltarsi quando si  pensa. Cosa vuol dire in fin dei conti questa indicazione?
Vuol dire che se si riesce a pensare ed ascoltare i propri pensieri si comincerà a capire cos’è che muove tali pensieri.
Cercare di alleggerire questa parte energetica dove i pensieri si formano, per riuscire a lasciarli andare e così facendo si dovrebbe vedere che cosa rimane all’interno:
  • Paure?
  • Insoddisfazione?
  • Dolcezza?
  • Amore?
  • Rabbia?
  • Collera?
  • Ira?
Quale tipo di energia rimane lasciando andare i pensieri:
  • Sollievo?
  • Voglia di realizzazione?
  • Azione?
  • Passività?
Si può constatare che ogni energia corrisponde ad uno stato d’animo diverso, per questo è importante quello che si pensa.
Cosa è accaduto, quale informazione si ha avuto per pensare in quella forma.
Si ritorna sempre sull’informazione, di quanto è importante fermare l’informazione che si avverte, che può inquinare e per poterla avvertire è determinante avere un ascolto di se stessi , altrimenti il danno verrà fatto. Purtroppo non ce se ne accorge nemmeno, perché si è troppo passivi, rivolti all’esterno, di conseguenza non c’è la difesa dell’amore per se stessi per fare stop e discernere la giusta informazione.

Cogliere l’occasione in un momento di piacevolezza per riuscire ad abbandonarsi.
L’abbandono ed il lasciare andare modificano l’energia, perché nel momento che si da spazio a se stessi ci si mette in una situazione di possibilità di ascolto , dico possibilità di ascolto perché si ritorna sempre alla finalità di quello che si fa. Se la finalità è solamente estetica é li che rimarrà l’energia ma se pensate che oltre che all’estetica c’è sia la bellezza interiore si scoprirà la dolcezza infinita dell’appartenersi, del concedersi, dell’amarsi, di valutarsi. Allora i pensieri si alleggeriranno e cominceranno a produrre altri pensieri armonici  e tutto si  svolgerà più facilmente, leggermente e più produttivo, è qui che abbiamo la realizzazione dei nostri PENSIERI, quella che oggi chiamiamo MIRACOLO.
La possibilità esiste in ogni persona l’importante è scoprirla, conoscersi, accettarsi e nell’accettarsi riqualificarsi perché come ci viene detto: si è migliori di quanto si pensa di essere, nel momento stesso che questa informazione scenderà dentro ognuno, questa energia andrà a ripescare tutte le qualità nascoste farle affiorare ai propri pensieri per riuscire ad esaudire la possibilità di essere sempre più in armonia con se stessi.
E’ importante imparare a gestire i pensieri, indirizzarli, sostenerli a manifestarsi sempre in una situazione di rispetto e di amore verso la propria persona, una buona guida per distinguerli è quella di fare attenzione alle noste emozioni.

Che emozione sto provando ora?
  • Se sento gioia il pensiero è positivo
  • Se sento tristezza, amarezza e altro il pensiero è negativo.
Se prendiamo come esempio l’armonia, si scoprirà che i pensieri armonici possono veramente riarmonizzare tutto nella persona. Cercare di portare un’informazione diversa alle cellule, a tutti gli organi affinché tutto di se stessi sia armonia, in collegamento, in totalità, lasciare che tutto scorra dentro di se, che tutto abbia una possibilità di interazione.
Lasciare tutto quello che non è in sintonia di se perché possa con una nuova consapevolezza portare una gestione dei propri pensieri e allora si vedrà quanto tutto cambierà, pensando diversamente.
Ognuno è quello che pensa di essere.
Quando si da valore al proprio essere la qualità dell’armonia aumenta all’interno.
Senza andare nel passato rimanere nel presente e armonizzare i pensieri della frequenza dell’amore:
  • amore che vuol dire accettazione
  • amore che vuol dire continuità
  • amore che vuol dire lasciarsi andare senza la paura di perdersi
  • amore che vuol dire dolcezza verso tutto quello che ci riguarda
  • amore che vuol dire non pensare ma agire in una totalità di rispetto verso di noi, prendere posizione verso noi stessi
  • amare tutto quello che ci riguarda
  • amare non vuol dire giudicare
  • amare vuol dire capire e accettare
  • amare vuol dire lasciare che la trasformazione vada avanti nel tempo in armonia del tutto
  • amare vuol dire che siamo noi stessi ad essere in sintonia con il tutto
  • amare vuol dire uscire dagli schemi per costruirci la nostra realtà in sintonia del tutto
Provare a trovare, in questo messaggio di Luce, la forza di vedersi senza criticarsi e lasciare che il meglio possa produrre azioni consapevoli
Portare l’attenzione alla qualità dei pensieri perché essi alleggeriranno o appesantirannoil quotidiano, quindi la VITA
I pensieri ristagnano alla nuca ed è la che ci si sentirà più o meno leggeri secondo i pesi che essi hanno creato, quindi lasciare andare il passato, tutto quello che è stato e stare nel presente  per armonizzarsi con se stessi lasciare tutto quello che è arrestante, tutto quello che è difficoltà,
liberarsi del passato per saper consapevolmente stare nel presente e vedersi con occhi non critici ma con occhi riqualificanti.
Un Grazie agli Esseri di Luce che ci illuminano.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Clara Maria Caterina Morena – International Life Coach –
Certified Silva Method Instructor

Cell. +39 329 1474529

Email: claramorena.mc3@gmail.com

Passa a trovarmi anche qui…

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Lascia un commento