Oltre il protocollo, quando il protocollo diventa obsoleto

Nuovo episodio del podcast del Laboratorio della FelicitAzione :-)

Di cosa ti occupi in questa vita? Che tu sia un impiegato, un professionista, un commerciante, o qualsiasi altra professione… cos’è che ti motiva e ti fa agire nei confronti del tuo prossimo, degli utenti, dei clienti, dei pazienti?

In questo episodio voglio raccontarti un aneddoto vissuto nel mio studio di podologia a Bruxelles, e proporti le mie riflessioni e il mio punto di vista sul vero motivo della nostra missione di vita.

Buon ascolto!

Oltre il protocollo, quando il protocollo diventa obsoleto

Quella mattina alle ore 10 si presentò all’appuntamento una signora dall’aspetto imponente: alta, fisico importante, sguardo profondo e severo, molto seria, il tipo di persona che fa sentire la sua presenza ovunque ella si trovi.

Ammetto che mi indusse un po’ di soggezione; evitando di dimostrare questo mio imbarazzo, la feci accomodare nella stanza operativa mentre lei mi spiegava il suo problema di unghia molto incarnita all’alluce sinistro.

Si tolse le calze ed io presi consapevolezza che il problema era abbastanza complicato.
Chiunque avrebbe consigliato di fare un intervento chirurgico.

L’operazione chirurgica mi avrebbe liberato delle paure di usare il bisturi senza anestesia, tutto sarebbe stato più facile e sbrigativo e mi avrebbe liberata dalla responsabilità.

Lei mi guardò nell’attesa di una mia diagnosi, rimasi qualche istante in silenzio con il piede tra le mani, non avevo alcuna intenzione di inviarla in ospedale e mi ricordai di una frase detta dalla mia insegnante di Comunicazione:

“Ricordate che quando una persona si rivolge a Voi, VOI siete in grado di aiutarla. Non potrebbe venire a Voi se questo non fosse vero!”.

Quella frase fece scaturire il coraggio di occuparmi di quell’alluce e della sua unghia.
Ma come? Come iniziare?

Decisi di eliminare il classico protocollo e ad occhi chiusi feci una preghiera che non ho mai più scordato:
Padre, per favore aiutami in questo lavoro perché io non sono capace. Usa le mie mani e lavora tu per me, grazie“.

A quel punto la signora mi disse: “Lei ama il suo lavoro e lo fa con cuore, vero?”.
Risposi: “Lei è in buone mani signora, perché il Padre lavorerà per me”.

La signora sorrise ed io magicamente iniziai a lavorare per due ore, la cliente non sentì alcun dolore, ma godette di tutta l’attenzione che ci mettevo e quando alla fine mi ringraziò, mi confidò che era medico.
Chiese un pacchettino di miei biglietti da visita per distribuirli ai suoi pazienti.

Ho sempre saputo nel più profondo di me stessa dell’esistenza di una forza che ci sostiene in ogni situazione.

Questa forza è ovunque, dentro e fuori di noi, ma, a volte, abbiamo l’orgoglio della Conoscenza, del Sapere, e ne perdiamo il contatto allontanandoci continuamente dalla nostra parte più nobile, quella non visibile.
Questo porta ad avere “l’Arroganza della Superiorità“, eliminando e soffocando così il vero motivo della nostra missione di vita.

L’unica ragione per la quale ci siamo battuti, per la quale abbiamo studiato, ed abbiamo avuto l’incentivo di ESSERE AL SERVIZIO cioè dare il nostro contributo, la nostra prestazione alla società fuori da ogni interesse di potere, da ogni supremazia ma semplicemente nell’umiltà di volere offrire il meglio di noi, il meglio di tutto ciò che abbiamo appreso negli studi e nella professione. Nient’altro che questo!

Mi auguro che questo podcast possa aiutarti, qualsiasi lavoro tu stia praticando sappi che lo puoi rendere miracoloso come è successo a me.


L’invito a seguire il podcast del Laboratorio della FelicitAzione è rivolto a tutti coloro che decidono di iniziare a credere in se stessi e alle proprie infinite possibilità.

Ogni persona ha diritto a vivere la miglior versione di se stessa.

Oltre che su Anchor, puoi ascoltare il podcast anche su queste piattaforme:

Con amore, sempre
Clara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.