Cipolle per il cuore

Le cipolle vengono utilizzate da oltre cinquemila anni, per guarire praticamente tutti i mali possibili ed immaginabili. Inutile dire inoltre che esse non figurano in alcuna lista degli anticoagulanti riconosciuti dalla Food and Drug Administration oppure dall’associazione dei medici americani (American Medical Association). E non importa neanche che le cipolle non facciano parte delle “calde” discussioni nei congressi di cardiologia. Ma se vi foste trovati al posto del cardiologo Victor Gurewich, può darsi che vi sareste lasciati andare all’ispirazione di un papiro egiziano.
Professore di medicina all’Università Tufts, il Dott. Gurewich era passivamente scoraggiato dal risultato delle analisi del sangue dei suoi pazienti dopo una crisi cardiaca. La maggior parte presentava dei livelli molto deboli di colesterolo HDL (lipoproteine di alta densità), questo è il colesterolo buono, quello che funziona come cacciatore del cattivo colesterolo per portarlo nel fegato dove viene distrutto.

Quando si ha un tasso di colesterolo HDL alto si resta protetti dalle intemperie del colesterolo ordinario cioè dalle crisi cardiache. Anche se certi esperti considerano il tasso di colesterolo HDL come uno degli indicatori decisivi per la predisposizione agli incidenti cardiaci, un basso tasso di HDL indica un alto rischio alle coronarie.

E’ molto difficile fare risalire il livello dell’HDL a chi soffre di malattie cardiache. Il dott. Gurewich con la sua equipe lavorò molto per avere risultati minimissimi.
”E’ nel momento in cui un tipo del mio laboratorio, originario della Polonia, dove le tradizioni ai rimedi naturali sono più vive di qui, ci suggerisce di provare con le cipolle”, racconta il dott. Gurewich. Per caso proprio il suo sguardo cadde su alcuni articoli aventi per tema le tradizioni popolari. Aveva in particolare un pariro egiziano che raccomandava le cipolle. “Mi sono detto che se il papiro era sopravvissuto per oltre duemila anni, forse era perché aveva un messaggio di una certa validità. E così che abbiamo annunciato ai nostri pazienti che gli avremmo fatto mangiare delle cipolle”.

Non si può dire che prescrivere delle cipolle fosse veramente parte di un’abitudine dei migliori cardiologi americani. Questo disse il Dott. Gurewich del laboratorio di ricerca vascolare dell’Ospedale di S. Elisabetta di Boston, aveva della referenze mediche impeccabili in attivo, ormai sapeva bene che le cipolle avevano dei forti effetti benefici nel sangue e che il loro uso aveva un altro grosso vantaggio: quello di non avere effetti secondari (quello che producono la maggior parte dei medicinali).

I pazienti si misero dunque a consumare quotidianamente una cipolla di taglia media cruda. In seguito certi preferivano prendere il succo di cipolle in capsule…

D’abitudine il colesterolo reagisce rapidamente alle medicine o ai cambiamenti di un regime alimentare. Nel caso del dott. G. dopo un mese di test dei pazienti ancora niente, dopo due niente, i pazienti iniziano a perdere coraggio e fede nel dottore, quando un bel giorno, l’equipe ricevette i primi risultati di laboratorio indicanti un sensibile aumento del tasso di HDL nel sangue, risultato che continuava ad aumentare e non facevano altro che rinforzare la loro scoperta ottenendo dei risultati spettacolari.

Se si considera il gruppo di pazienti che erano stati sottomessi alla terapia della cipolla, tutti avevano all’inizio dei tassi di hdl in perdita di velocità e inferiori a 20 p 100, quando la normalità è di 25 p 100.
Dopo il trattamento della cipolla si registra un aumento medio di 30 p 100 di tasso HDL dei suoi pazienti che si ritrovavano tutti con dei tassi rientrati nella normalità.

Le cipolle non sempre abbassano il colesterolo totale contenuto nel sangue, ma scatenano delle importanti modificazioni di proporzione del “cattivo” colersterolo in rapporto al “buono”, rimpiazzando buona parte di HDL al posto di LDL che ha la facoltà di proteggere il cuore.

In altri termini , le cipolle avevano trovato il bottone biologico che ha ordinato al corpo di produrre dell’HDL.

A come questo bulbo miracoloso agisca per far fabbricare al corpo più colesterolo HDL, riuscendo là dove migliaia di cervelli di laboratori farmaceutici avevano mancato, il mistero resta integro. “Non ne sappiamo,semplicemente, ancora abbastanza sulla sintesi del HDL e su ciò che lo regolarizza” dice il Dott. G. che nel suo laboratorio studia quale può essere l’agente chimico naturale responsabile di tale miracolo, con la sua equipe di laboratorio è arrivato a scoprire centocinquanta sostanze differenti contenute nella cipolla. Nonostante le ricerche il dott.G. non sa ancora nulla sul soggetto che lo interessa: “Noi ignoriamo qual è l’elemento che fa salire l’HDL”.

In ogni caso siamo ora a conoscenza delle caratteristiche della cipolla. E che la cottura riduce considerevolmente il suo potenziale chimico. Le cipolle molto cotte, diventate molli e senza sapore, restano praticamente senza effetto sul colesterolo HDL. Il principio attivo della cipolla è anche quello che le da il gusto molto pronunciato. I migliori effetti si ottengono con le cipolle bianche e gialle, le più forti; le cipolle rosa o rosse più dolci danno nettamente un risultato inferiore.

Più il gusto è forte più il tasso HDL si alza.

Ma la storia della cipolla non finisce là. Secondo il Dott. Gurewich le cipolle hanno un complesso di sostanze chimiche che fanno l’effetto di una chemioterapia complessa sul sistema cardio vascolare. Le cipolle, dice lui, contengono un prodotto che sappiamo fa abbassare la pressione delle arterie. Come i funghi cinesi, i mo-er , le cipolle contengono della adenosina e probabilmente degli altri componenti chimici che dovrebbero impedire l’aggregazione delle piastrine nel sangue. Altro effetto importanti della cipolla è che essa agisce su un’altra funzione sanguigna, stimola il sistema fibrinolitico del corpo, colui che è responsabile per dissolvere grumuli nel sangue. Questo potere non viene distrutto dal calore di cottura, precisa il dottore. Questo vuol dire che le cipolle sia crude che cotte contengono prodotti chimici naturali che favoriscono il il benessere del sangue.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Clara Maria Caterina Morena – International Life Coach –
Certified Silva Method Instructor

Cell. +39 329 1474529

Email: claramorena.mc3@gmail.com

Passa a trovarmi anche qui…

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Lascia un commento